400 mila euro per accordi quadro destinati a manutenzioni di immobili comunali e strade

2 Novembre 2018

 Il primo, con una dotazione finanziaria di 100 mila euro, prevede la sottoscrizione di un accordo con un unico operatore al fine di provvedere all’esecuzione di interventi di manutenzione nelle strade comunali. Il secondo, invece, che può fare affidamento sulla somma di 300 mila euro (anche in questo caso la sottoscrizione dell’accordo sarà con un solo operatore) si concentra sulla manutenzione straordinaria, sull’adeguamento e sul recupero funzionale del patrimonio edilizio comunale. «Proseguiamo quanto abbiamo avviato l’anno scorso – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Garau – lo strumento dell’accordo quadro ci consente, esternalizzando il servizio, di procedere con le manutenzioni in maniera celere e sistematica. Nel corso del 2018 abbiamo ottenuto ottimi risultati, provvedendo in tempi brevi alla manutenzione ordinaria e straordinaria di strade e marciapiedi, limitando il più possibile i disagi al cittadino».

Come detto, non solo manutenzioni su strade e marciapiedi, ma anche sugli stabili comunali. Il patrimonio edilizio del Comune di Sant’Antioco per l’edilizia abitativa, infatti, dispone di numerose unità immobiliari sparse in varie zone del paese, oltre a diverse scuole e vari centri sportivi e stabili destinati ad uso pubblico e religioso. Si tratta di immobili realizzati in epoche di costruzione diverse, alcuni dei quali hanno un’età che supera i 50 anni. Anche per questo motivo, in moltissimi casi, le condizioni di fruibilità degli alloggi hanno conosciuto nel tempo un progressivo peggioramento, considerata la carenza dell’azione manutentiva. «Questo progetto – prosegue l’assessore Francesco Garau – riguarda appunto un programma generale di manutenzioni straordinarie: con l’accordo quadro, che avrà una durata di 12 mesi, metteremo in campo una serie di lavori finalizzati al recupero e alla riparazione di fabbricati e alloggi di proprietà comunale, per i quali si rende necessario il ripristino delle condizioni di sicurezza e funzionalità. Adesso gli uffici avvieranno le procedure per l’individuazione degli operatori e la sottoscrizione degli accordi».