Sant'Antiogu Santu Sulcitanu

Secondo la tradizione, Antioco nacque attorno al 95 - 96 d.C. in Mauritania, allora annessa all'Impero di Roma. Governatore di questa regione pare fosse lo stesso padre di Antioco, di cui non si conosce il nome, ma che di certo era di religione pagana, al contrario della moglie Rosa e dell'altro fratello Platano (il sardo Pardamu), sicuramente cristiani (in una chiesa rurale nei pressi di Villaspeciosa si vedono dipinti in un medesimo quadro i due santi Antioco e Platano). Padre Tommaso Napoli nel suo libretto "Vita, Invenzione e Miracoli del glorioso Martire Sant'Antioco detto volgarmente Sulcitano" pubblicato a Cagliari nella Reale Stamperia nel 1734 descrive riccamente le opere del Santo: "Piamente e cristianamente educato il nostro Antioco applicossi dopo i primi studi a quello della medicina, che gli servì di mezzo opportuno per facilitargli la conversione d'un gran numero d'infedeli.... Sparsasi perciò ben presto la fama del disinteresse, della carità, e dei prodigi del cristiano medico, era incredibile il concorso di ogni genere di persone che a lui ricorrevano per sollievo, e costretto vedeasi chiamato da più parti a scorrere or in questa or in quella contrada, qual fatica però egli con piacere addossatasi. Il nome, ed il grido d'un medico sì valente non poté restare lungo tempo ignoto al Romano Imperatore Adriano, che portato dal suo genio ambulatorio trovatasi verso l'anno di Cristo 126 in quelle regioni d'Africa". L'imperatore fece comparire Antioco al suo cospetto e lo accusò, nella sua qualità di medico e scienziato, di aver prestato il suo nome ad una setta nemica dell'impero e di aver negato il culto degli dei per adorare un uomo crocifisso. Dalle parole Adriano passò alle minacce, poi ai supplizi. Antioco è sospeso all'eculeo, gli si applicano ai fianchi fiaccole accese, viene immerso in una caldaia di pece bollente, è destinato in pasto alle fiere, ma con fede incrollabile supera tutti i pericoli. Allora Adriano lo invita nel tempio. Padre Tommaso Napoli: " Misero che non vedea apparecchiarsi nuovi trionfi alla fede dei cristiani, ed a se, ed a' suoi idoli nuova confusione! Imperciocché entrato appena Antioco nel tempio dei falsi numi, invocato il nome del suo Dio e fattosi il segno della croce, tremò al punto la terra, si scossero le mura del tempio e caddero a terra infranti quanti idoli innalzato colà vi avea la cieca superstizion dei gentili. Fuggì Adriano e con esso tutta la corte ed il numeroso popolo ivi accorso temendo restar massacrati dalle rovine del crollante tempio..." Il principe decide di mandare il santo in esilio. " onde fatto tosto il rescritto, ed intimatoglielo, fu Antioco consegnato ad un cavaliere, o capitano chiamato Ciriaco, affinché al luogo il menasse del suo destino. Imbarcati sopra una nave, dopo sofferte alcune furiose tempeste calmate colle orazioni del santo, approdarono alle spiagge dell'isola di Sulcis, e trovatala deserta, ivi lo lasciarono in abbandono". La leggenda vuole che qui, raccolto in preghiera nella sua grotta, Antioco muore mentre attende di venir prelevato dalle guardie romane che dovevano condurlo a Karales. Subito dopo la sua morte, che la tradizione fissa attorno all'anno 127, la fama delle sue opere si sparse nel Sulcis e poi in tutta la Sardegna. Numerosi pellegrini accorrevano alla sua tomba e ne invocavano aiuto e protezione. Nel luogo del "martirio" del santo moro sulcitano (si tratta di un ipogeo punico monocellulare che fa parte di un complesso catacombale di notevolissime dimensioni ancora in gran parte inesplorato), sorse il primo nucleo di una delle cattedrali più antiche della Sardegna, il cui primo impianto, unito al cimitero catacombale, è datato V secolo. Una lapide, anche questa databile allo stesso periodo rinvenuta nel 1615 sulla tomba che si suppone quella del santo cristiano, attesta la storicità del personaggio. L'iscrizione è da ritenersi, verosimilmente, come il documento più antico che riguarda Antioco; in questa è detto santo - BEATI SCI ANTHIOCI - e vescovo - PONTIFICIS XRI -. Le strutture originarie della chiesa sono tipiche dell'architettura bizantina. La cupola è senza dubbio l'elemento architettonico più importante e presenta come quella di S. Saturno di Cagliari, le scuffie agli angoli del quadrato su cui imposta, particolare costruttivo del IV-V secolo. Questa lapide attesta che il culto di S. Antioco è antichissimo e forse già conosciuto prima del VI secolo. Nel 1089 il Giudice Costantino donava ai monaci Vittoriani di Marsiglia la chiesa di S. Antioco in Sulcis e questa, il 13 luglio 1102, veniva riconsacrata, dopo alcune riparazioni, dal vescovo Gregorio. Nel 1124 un altro Giudice di Cagliari, Mariano Torchitorio, donava al Santo tutta l'isola sulcitana che dal quel momento prenderà il nome di Isola di Sant'Antioco. Importantissima è la donazione fatta dalla Giudicessa Benedetta di Lacon Massa e da suo figlio Guglielmo, Giudice della Provincia di Cagliari, a favore del Vescovo di Sulcis Bandino e dei suoi successori. La donazione è redatta in un vivace volgare sardo, ormai totalmente sganciato dal ruolo ancillare che aveva avuto in un primo tempo nei confronti del latino cancelleresco è riportata da Padre Salvatore Vidal nel suo manoscritto "Vida Martirio y Milagros de San Antiogo" conservato presso la Biblioteca Universitaria di Cagliari. La trascrizione è tratta dall'originale contenuta in un libro intitolato Registro che Vidal afferma essere conservato nell'Archivio della Cattedrale di Cagliari. Giovanni Pirodda sottolinea a proposito di questo testo la precocità, rispetto alle altre aree culturali, con cui il sardo afferma la propria emancipazione dall'oralità. "Ma ciò che risulta singolare al confronto con le situazioni parallele del mondo neolatino è il fatto che il volgare sardo si presenta fin dagli inizi come una delle lingue ufficiali delle cancellerie, in alternativa al latino, senza passare, come altrove, attraverso forme subordinate, come quelle della glossa e della citazione. I documenti sardi, esclusa l'invocazione iniziale, nascono già completamente volgari, o completamente latini: questi ultimi, di notevole correttezza linguistica e talora di apprezzabile eleganza; mentre i primi manifestano una rilevante coscienza dei problemi connessi alla scrittura del volgare e una buona attrezzatura culturale". G. Pirodda, La Sardegna, Brescia, Editrice La Scuola,1992.

Ecco il testo:

Hoc est traslatum, copia, et exemplum bene, et fideliter sumptum in Castro Calari, die 4, mensis Augusti, ano á quodam libro, appellato Mare Magnum episcopatus Sulcitani: non uiciato, non cancellato, nec in aliqua sui parte suspecto; omniprorsus uitui, et suspicione carente, cuius tenor sequitur, sub his uerbis. In nomine Domini. Amen. Ego Benedita de Lacono, Donna de Logu, cun fillu miu Doniguellu Guillelmu, pro uoluntade de Deus, Podestandu parte de Caralis, fazu custa carta pro beni quillat fatu a su Donnu miu Santu Antiogu de isola de Sulki: dau illoi a sa iscla de Finugu, e a iscla de Logos, e a Cortinas: a iscla Masonis: a iscla Maiori qui est inter aquas a Corru de ponti, qui sunt custas isclas da y su ponti inoghi in qui intrant ayntru de isola de Santu Antiogu, et sunt da in chi de sa Clesia de Santu Speradu, de ponti fini a sa terra firma. Custas isclas imoi dau cum omnia causa cantu si appartenint a pusti custas isclas quindi fazat su Donnu su Piscubu miu de Sulchis, Maystru Bandinu su qui li at a plaguiri a uoluntade sua, segundu faguit de sas ateras causas de su Piscobadu suu, qui sunt in balia sua: a issu, et a totus sos Piscobus cantu ant esseri pusti issu in su Piscobadu de Sulchis: bollant pasquiri cun pegulia issoru: bollant fayri imoi silua, o fayri chircas, o piascari, o fayri veruna atera causa, qui torrit a proi a Santu Antiogu, et a su Piscobadu de Sulchis. Et dau illoi su saltu miu de genna de Codriglia, totu in qua si segat, et segasi custu saltu daba sus coronius, et tenet de monti desa in qua partit deretu, et de Iscolca, et deretu a gruta de manus; et tenit sa bia dereta a sa buca de cabu daqua et essit deretu a sas arjolas, et torrat si deretu a sus coronjus da undi si cominsant custas isclas, et custu saltu; dau a su Donnu su miu Santu Antiogu [...] d'iscla de Sulchis a dispiliadu, qui no lay apat perunu homini a leari, non pro su Regnu, et non propter una altera personi, exceptu qui essirit a uoluntadi de su donnu, su Piscobu miu de Sulchis Maystru Bandinu: a fayrindi su qui at plaguiri a issu, et a sus aterus Piscobus qui ant essiri pusti issu in su Piscobadu de Sulchis: et apant balya de ponniri illoi castiu a gussu qui si castiat suta su Donnu Padri miu Guillermu Marquesi. Et daulloi a su donnu miu santu Antiogu de iscla de Sulchis omnia et cantu apu de su saltu miu, et de semidas de banjuy cun aquas, et cun linna, et cun totus sas causas cantu si apartenint apusti custu saltu. Et segat si custu saltu de banjui dabba Genna majori, et calat si guturu a sitibuzu, et deretu a bau de proni, et intrat a guturu darriu, et intrat in su guturu de aqua bona: et essit a assa arjola de Fadarta: et essit a guturu de sorigellu et lleuat si prora de genna Ligis cun totu su monti de Vdalba, et calat deretu a genna de porta; et calat guturu de cunjadura, et essit a miças de Genari, et torrat a genna de Tesonis, et calat deretu a mortu basyli, et pesatsi a guturu pizinnu, et leuatsi sa prora de Candelauu, et torrat a genna Mayori de undi si cuminsat. Dau illos a su donnu miu Santu Antiogu [de sa] iscla de Sulchis omnia, et cantu apu de su saltu, et de semidas de su legi, cun aquas et cun linna, et cun totus sas causas cantu si aprtenint apusti custu saltu. Et segat si custu saltu da su flumini de sa uila de Flumentepidu, in qua essit a Masunja de Pintu, et essit a Corongiu de Maulis, et essit a gennas de Sula, et tenit sa bia deretu a Cannameda, et torrat a giba Arrubia de Maserus, et essit a giba de Marcu, et jumpat a pare de Forru; et essit a bia de Forru, et essit a sa bia de flumen tebidu, et torrat si deretu Creadis. Anno M.CC.XVI.XI Kal. Junij. ("Io Benedetta di Laconi, Signora del Luogo, insieme a mio figlio Donnichellu Guglielmo, per volontà di Dio, governando la regione di Cagliari, faccio questo scritto per il bene che ha fatto al mio Signore, S.Antioco dell'isola di Sulcis: gli dono le terre di Finugu, le terre di Logos, e quelle di Cortinas; le terre di Masonis e quelle di Maiori che sono fra le acque a Corru de ponti. Queste terre vanno dal ponte in qua ed entrano dentro l'isola di Sant'Antioco, e vanno dalla chiesa di Santu Speradu, dal ponte fino alla terra ferma. Queste terre ora dono con le loro pertinenze e con tutto ciò contengono, perchè il Signor Vescovo mio di Sulcis, Maestro Bandino, ne faccia ciò che gli piacerà secondo la sua volontà, come fa per le altre cose del suo Vescovado che sono in suo possesso: le dono a lui e a tutti i vescovi che ci saranno dopo di lui nel Vescovado di Sulcis: che vi facciano pascolare il loro bestiame, che facciano legna, questue, peschino o facciano qualsiasi altra cosa che torni a vantaggio di S.Antioco e del Vescovado di Sulcis.."). Presbiter Dominicus Canonicus Santae Ceciliae testis. Presbiter Marianus Scartellus testis. Petrus Acolitus testis. Si † gnum mei Andreæ Barbenæ autoritate Regia Notarij publici Valentini, et per totam terram, et Dominationem Illustrissimi Domini Regis Aragonum huiusmodi exempli testis. Sig † gnum mei Jacobi Cerbero autoritate Regia Notarij publici, huiusmodi transumati testiis. Copia permissorum omnium et singolorum fuit abstracta sicut supra dicitur bene, et fideliter cum supra scriptis connotarijs comprovata, et per substitutum a me notario infrascripto. &ceter. Et ut fides indubia in iudicio, et extra iudicium impendatur Ego Andreas Castellar Autoritate Regia Notarius publicus per totum Sardiniæ Regnum, meumque solitum artis Notariæ apposui Sig † gnum. (Vida... I, pp 216-224)

E' assai probabile che la festa in onore di Sant'Antioco si possa far risalire a questo periodo, o a quello immediatamente successivo, quando la Diocesi di Sulcis fu trasferita a Tratalias dopo la costruzione della chiesa nel 1213. Esistono numerosi documenti che si riferiscono alla festa (riferiti al XVI secolo) come il Process de miracles del glorios S.Antioco, fatto redigere ad Iglesias il 15 Maggio 1593 dall'arcivescovo di Cagliari Mons. Francesco del Vall, che in quel tempo era vescovo anche di Iglesias. In tale manoscritto si afferma che un grandissimo numero di fedeli accorse all'isola di Sulcis per la festa che si svolse il 3 Maggio del 1593, quindici giorni dopo la Pasqua, informando anche che la festa si celebrava annualmente nell'isola, da tempo immemorabile. Dopo la concessione dell'Indulgenza Plenaria del 27 febbraio del 1584 da parte di Gregorio XIII, concessa ai visitatori del santuario sulcitano, la festa acquistò rilevanza e importanza, spingendo alla partecipazione autorità civili e militari, insieme a un numero sempre più crescente di fedeli a visitare l'Isola. Si ha notizia che alla festa del 1557 partecipò il vicerè Don Alvaro de Madrigall e a quella del 1570 il vicerè Don Juan Coloma. Di quest'ultimo resta una lettera del 24 aprile 1575, inviata a Filippo II di Spagna, che, oltre a considerazioni sullo stato disastroso dell'Isola carente di porti atti ad ospitare vascelli, contiene una dettagliata descrizione dei festeggiamenti che si tennero l'aprile di quell'anno. Altri riferimenti ai festeggiamenti in onore di Sant'Antioco sono contenuti in un manoscritto in catalano del 1523 sugli statuti capitolari di Iglesias, intitolato Libro de varias ordenassiones de los antiguos obispos, y estatutos capitulares. In quest'ambito, risulta interessante la decisione dell'arcivescovo di Cagliari e vescovo di Iglesias, Girolamo di Villanova, datata 29 Settembre 1523, che prescrive al vicario generale di andare personalmente, senza possibilità di essere sostituito, alle feste di aprile e di agosto che si tenevano a Sulcis. Questa disposizione ne richiama un'altra precedente datata 29 settembre 1520 ed emanata dall'arcivescovo di Cagliari dove si ordina che: " Tutti coloro che andranno a S.Antioco in aprile come in agosto, a celebrare gli uffici divini, partecipino delle distribuzioni come se si trovasseo in sede; cioè a dire, che la metà della comunità e dei cappellani andranno con il vicario generale o altri per lui, purchè sia un canonico, e l'altra metà resterà invece in città per celebrarvi gli uffici divini (ufficiatura corale, celebrazioni di messe, etc.); ma sia coloro che andranno sia coloro che rimarranno dovranno depositare in cassa tutto ciò che di applicazioni o di offerte il Signore Dio concederà loro. E se qualcuno per sua devozione vorrà recarsi alla festa, pur non essendo iscritto nell'elenco affisso alla porta di chiesa, vada pure in nome di Dio, ma si ricordi che non potrà accampare scuse, quando a sua volta dovrà, essendo di turno, recarsi alla festa. (Ordinazione Capitolare del 29 settembre 1520) Il fatto però, che le prime testimonianze scritte attestanti l'esistenza della festa risalgano al 1520, non significa che la festa di Sant'Antioco cominciò a celebrarsi da quell'anno. Essa certamente si festeggiava, come scrive il Napoli, "ignorandosene il principio", probabilmente dal momento in cui i primi fedeli, attirati dalla fama del Santo, cominciarono a visitare il luogo in cui egli morì e dove, poi, fu ritrovato il suo corpo. DocumentoDiverse Memorie, alcune di molti atti degli Arcivescovi di Cagliari, trovate nel bellissimo Archivio Mauriziano ospitato nei locali del medesimo Ospedale, raccontano di Concessioni e Privilegi, Giurisdizioni e Preminenze, "tanto nella festa come fuori di essa. Non potendosi dubitare che la Città di sulcis in cui era la Chiesa Cattedrale fosse in dett'isola, e non in terra ferma come in oggi per schivare la forza di questa difficoltà si è di nuovo studiato non per vere asserzioni ma per semplici congetture di Geografi per altro male fundate, le quali non sono sufficienti ad offuscar la verità che risulta dalle vestigia e rovine della città e Castello, che ancora in dett'isola ravisano dalla costante e continuata tradizione e credenza di tutti i popoli del Regno e singolarmente da più vicini chiamati prima popoli Sulcitani e dall'Istorico Vico che costantemente lo afferma senza essere in ciò contraddetto da nessuno storico sardo, neppure dal suo antagonista il Padre Vidali, con aver questi fatto nella sua Critica un capitolo a parte degli abbagli che esso dice presi dal Vico circa i siti, e nomi delle città, e luoghi di quel Regno..." In questa memoria sono citati due documenti importantissimi con cui "si procedette da Giuliano Vescovo Sulcitano ne raccordi da esso dati prima al re Gioanni d'Aragona nel 1466 e poscia al Re Ferdinando nel 1479..." che li venisse confirmata ed approvata qualunque scrittura, carta, Prerogativa o Privilegio con diffonderlo e mantenerlo nel possesso di dette terre e possessioni tanto nel giorno della festa della Chiesa come alias ciò che gli fu concesso con Diploma dato in Compostella sotto li 13 giugno del medesimo anno 1466..." Di questi due diplomi sono presenti le trascrizioni originali nell'Archivio di Stato di Torino. Continua la memoria ... la celebre festa di S.Antiogo dove per solennizzarla vi accorre un gran numero di gente da più parti del Regni quali siano questi terreni e Prerogative voleva essere conservato il Vescovo non volle specificarlo, ne può comprendersi senza ricordare l'uso antico di permettere il Governo a chi in luoghi principalmente deserti celebra certe feste dove vi accorre gran gente con moltitudine di cavalli carri e vetture, e dove facilmente vi insorgono disordini, l'autorità di distribuire siti per l'alloggio delle genti e pascolo per gli animali, e di far in qualunque occorrenza giustizia durante quella festa...e di disponibilità di quei terreni dell'Isola e delle Grotte per alloggiare il Mondo che a quella festa accorre e per pascolarvi i Cavalli, e buoi con la vettura che a quella festa trovavansi... La festa principale era quella che cadeva il lunedì, quindici giorni dopo la Pasqua. Già da quattro giorni prima, dal giovedì precedente, il Capitolo della Cattedrale di Iglesias cominciava a preparare per il lungo viaggio a Sulcis la grande e pesante statua di Sant'Antioco che durante l'anno stazionava nell'apposita cappella in Cattedrale, il cui altare una bolla di Gregorio XIII del primo maggio 1584 aveva reso "privilegiato". Il simulacro, dunque, veniva rivestito con la toga rossa delle occasioni più celebri e collocato su un carro, trainato da un possente giogo di buoi, i migliori del Sulcis, parati a festa ed ornati di fiori e condotto fuori da Iglesias, accompagnato dai membri del Capitolo sino alla chiesa di San Sebastiano. I processionanti erano preceduti e seguiti dalla cavalleria, che li scortava fino al sepolcro del Santo, nell'isola di Sulcis. Dopo aver sostato a Barega, il cocchio giungeva la sera a Barbusi, dove si fermava fino all'alba. La notte, trascorsa a Barbusi, era caratterizzata da robuste cene, seguite da balli e da canti, se si deve tenere per buona una notazione del Casalis-Angius: " Il cocchio giunge in sulla sera al Boddeu di Barbusi, ed ivi si ferma sino all'aurora in mezzo alla moltitudine dei pellegrini che fanno i loro conviti e si ricreano cantando e ballando al suono delle launeddas". La mattina seguente il corteo processionale si rimetteva in cammino e, attraverso Coederra e San Giovanni Suergiu, raggiungeva il ponte di Santa Caterina che immetteva nell'isola di Sant'Antioco. I festeggiamenti si protraevano per quattro giorni dal sabato a tutto il lunedì. Il martedì cominciava l'esodo all'incontrario, ciascuno disperdendosi nelle varie direzioni della Sardegna, per fare ritorno alla propria città e al proprio paese. Il Vidal afferma che oltre la festa in memoria del Santo, che si celebra quindici giorni dopo la Pasqua, si ricordano la festa di novembre che ricorda la sua morte, la festa d'agosto in ricordo della Dedicazione della chiesa ed infine quella che si festeggia in quaresima e ricorda la seconda e ultima consacrazione della chiesa fatta da Pietro, vescovo sulcitano. E' da ricordare la memorabile festa del 4 maggio 1615, che a detta dell'Esquirro superò per la sua importanza i confini della Sardegna, protraendosi per quattro giorni: " E benchè ogni anno si celebri in maniera solenne e completa, il quattro di maggio dell'anno 1615, però, si festeggiò più solennemente che mai. In quello stesso anno infatti, fu ritrovato il Santo Corpo non più di un mese e mezzo prima del fortunato ritrovamento"; La notizia del ritrovamento del corpo di S.Antioco si divulgò rapidamente e, come ogni anno per la festa del dopo Pasqua, si provvide a rimettere in sesto i ponti e le case dell'Isola. Già dal giovedì cominciarono a convergere verso Iglesias folle sempre più numerose di fedeli. Quindi, il lungo corteo uscì dalla città. Chi era a piedi e chi a cavallo; tutti allegramente devoti, trasportavano la statua del Santo e l'urna rivestita di velluto carminio dove era il corpo. Su un'altra portantina era trasportata la testa custodita in un reliquario d'argento finemente cesellato, con bassorilievi di angeli ed altri fregi "muy curiosos", che aveva fatto fare a sue spese Don Francesco de Esquivel. Reliquario in argentoSia a tutti noto che l'anno dalla nascita del Signore mille seicento quindici, mercoledì ventinove aprile, essendo Capitano e Alcade della Città di Iglesias, per conto di sua Maestà, il Nobile Don Onofrio Ram, e i Magnifici Nicola Canj Bacallar, Antioco Cocodi, Gontini Pintus, Giovanni Serra e Francesco Falxi Consiglieri quest'anno della detta e presente Città d'Iglesias, congregati e riuniti dentro la sacristia della Chiesa sotto l'invocazione della bene avventurata Santa Chiara, Sede Cattedrale della detta e presente Città, in compagnia dei molto Reverendi Dottor Nicola Cadello Arciprete della detta Sede, il Dottor Tomaso Serra, Francesco Canj, il Dottor Antioco Matta, Nicola Utta, Antioco Serra, Antonio Canavera, Andrea Panj e di Antioco Canj Canonici della detta Sede, di Giovanni Falxj, Nicola Murja, Marco Bruguitta, Giovanni Cocodi, Benedetto Cannas, Giovanni Pisti, Nicola Canj Adzori, Franceschino Dessy, Basilio Contini, Antioco Balia e Nicola Leoni Beneficiati di detta Sede, di Giovanni Antonio Scarxonj e di Nicola Zucca preti di detta Città. In presenza dei molto Reverendi Francesco Martis e Melchiorre Fensa Canonici della Sede di Cagliari, di Giaime Serra, di Gavino Tola preti della detta Città di Cagliari, del Nobile Don Antonio Ram, Antioco Melly Cau, Antioco Figus e di Giovanni Antonio Serra Cittadini della detta e presente Città, del Sacrista Giovanni Antonio Pissano, del Sacrista Nicola Scarxoni pure di detta e presente Città, e di Pietro Martis pure nativo di Stampace altra periferia della detta Città di Cagliari, è stata estratta la Santa Reliquia e capo del corpo del bene avventurato Sant'Antioco Martire Sulcitano dalla cassa coperta di velluto cremisi che è dentro detta sacristia costruita e situata, dentro la quale sono riposte e raccolte le altre Sante Reliquie del detto Glorioso Santo, e detta Santa Reliquia e capo, in presenza di me notaio sottoscritto e dei sunnominati testimoni, è stata deposta dentro l'urna e castone d'argento che dalle mani di Maestro Sisinio Barray, Maestro Francesco Barray e di Maestro Antioco Grech, argentieri nativi di Villanova periferia della detta Città di Cagliari, è stata fatta, costruita e lavorata per il fine di deporvi, come effettivamente e come si è detto, si è deposta la Santa Reliquia, allo scopo che d'ora in avanti ogni anno si possa in perpetuo trasportare, nei giorni e nei tempi in cui si suole celebrare la festa e devozione del detto Glorioso Santo, nella sua Santa Chiesa sulcitana, perché sia adorata, riverita e venerata con tutto il decoro che si deve da tutta la gente e devoti che da tutto il presente regno e da fuori accorre. E in fede di queste cose e perché lestesse risultino a perpetua memoria, i detti Nobile Capitano e Magnifici Consiglieri hanno incaricato me, notaio sottoscritto, di ricevere e stendere il presente atto. Segno tabellionale di Giovanni Pias, notaio pubblico per l'autorità Apostolica e Regia in tutto il Regno di Sardegna, nonché Segretario della casa consiliare della Città d'Iglesias, che per mandato dei predetti Nobile Capitano e Magnifici Consiglieri intervenne e verbalizzà queste cose di proprio pugno.

Il sabato giunsero a Sulcis e, tra festose scariche a salve di fucileria, entrarono nella chiesa con un tale fervore che pareva di essere in mezzo a un "giudizio universale", tanta era l'affluenza di gente. Lo zelo e la devozione dell'immensa folla era tale che moltissimi seguivano le sante reliquie andando ginocchioni per la strada accidentata e invocando il Santo. Alla festa, intervennero moltissimi aristocratici ed un numero esorbitante di cavalieri della nobiltà cagliaritana, abbigliati di stupendi e ricchissimi costumi. Il lunedì, dopo i vespri, Frà Tommaso Pitzalis dell'Ordine dei Predicatori di Cagliari, tenne un infuocato e straordinario sermone su Sant'Antioco che mandò in visibilio i fedeli. Subito dopo, tra salve di fucileria, "mucha musica, muchos atambores, muchas trompetas", si formò una grandiosa processione che, partita dal piazzale antistante la chiesa, trasportava su una portantina la statua del Santo, su un'altra che seguiva erano, invece, la cassa con il corpo e l'urna con la testa. La folla era così incontenibile che chi non aveva trovato posto nella piazza gremiva il tetto della chiesa; mentre lungo il tragitto del corteo erano disseminati numerosi archibugieri che, al passaggio della statua del Santo, sparavano a salve, secondo un ordine prestabilito. La processione si concluse tra la musica delle trombe e dei tamburi. E con essa si concluse anche la festa, la più grande e magnifica di tutti i tempi, per il numero dei partecipanti e per l'abbondanza di merci e di alimenti, messi a disposizione e offerti all'acquisto, nelle rivendite. Il concorso della gente fu enorme, e l'Esquirro tiene ad affermare con la sua puntigliosa precisione che il numero dei cavalli fu di 4125, che le "tracas" (i carri coperti "que aqui llaman tracas") furono 3000, i carri scoperti 1000, i carrettieri 4000, i barcaioli 150, senza contare la gente intervenuta a piedi che raggiungeva all'incirca il numero di 3000. Come si può notare l'enorme affluenza dei fedeli sottolinea l'importanza della festa che travalica l'area circoscritta del Sulcis-Iglesiente e quella regionale e più vasta della stessa Sardegna; secondo l'Esquirro, le persone che presero parte alla festa di Sant'Antioco furono in quell'occasione ben 32000. Anche il de Esquivel scrive nella sua Relacion che i partecipanti alla festa furono circa trentamila e che vi accorsero gran numero di forestieri; Castigliani, Aragonesi, Portoghesi, Italiani e Francesi. Come a dire che la festa di Sant'Antioco abbatteva non solo le barriere tra paese e paese, o tra regione e regione, ma addirittura quelle tra nazione e nazione, mettendo in comunicazione uomini di diversa cultura, di ceti diversi e di lingue diverse. Dal secolo XVI, alla festa cominciarono a partecipare quasi sempre anche l'arcivescovo di Cagliari a cui si aggiungeva la presenza del vicerè, di comandanti civili e militari, dell'inquisitore con i rispettivi numerosi seguiti di nobili e famigli. In tal modo, durante le feste, l'Isola di Sant'Antioco diventava, per così dire sovraffollata; e poiché le case scarseggiavano (a fine Cinquecento se ne contavano un centinaio), venivano occupate le molte grotte che erano abbondanti, o si allestivano effimere capanne di frasche, dove si trovava riparo. Ecco alcune disposizioni per amministrare giustizia durante la festa del 1759. DON FRANCISCO CONDE TANA DE SEN?ORES DE SANTENA; CAVALLERO GRAN CRUZ, DE LA SAGRADA RELIGION DE SAN Maurizio, y San Labaro; Tiniente General en las Armadas de Su Magestad, de Su Consejo; Virrey, Lugartiniente, y Capitan General del Reyno de Sarden?a. Por quanto uno de los Iurados de la Ciudad de Iglesias ha de passar à la Isla de San Antìogo en ocasìon de la fiesta de dicho Santo que se ha de celebrar el dìa 29. del corrente Segundo acostumbrado. Por tanto me ha paressimo Delegar como con esta Delego al dicho Iurado, para que en los dìas que durare dicha fìesta, pueda administrar Iusticia en lo que solamente ocurriere en el districto de ella, y esto se entienda sin perjuhìzio de la Iurisdicion perteneciente al Podestad de Iusticia que se halla en dicha Isla. Caller 4 abril 1759 El Conde Tana Verso la metà del 1800, con la fine delle invasioni barbaresche, si pensò che fosse giunto il momento di riportare a su monimentu, all'altare della catacomba, le reliquie del Santo. Nel 1838 si propone la soppressione della festa di Agosto: Addì diecisette marzo 1838. Iglesias e nel Palazzo Civico. Il Consiglio Generale nella seduta del giorno d'oggi, dietro la proposta del Signor Sindaco Reverendo Emanuele Pasella, deliberò a maggioranza di voti di riunire le due somme portate dal bilancio per le due feste di Sant'Antioco e destinarle alla sola festa di Aprile, omesso per sempre l'intervento dell'Alternos a quella di Agosto. I motivi che indussero il Consiglio a sifatta deliberazione sono i seguenti: 1° perché unendosi le due somme e destinandole alla sola festa di Aprile, può far questa l'Alternos con tal decoro, che sembra di non dover andar disgiunto dalla qualità, che riveste, di Viceregio Rappresentante. 2° perché la festa di Aprile pare la più interessante pel modo, con cui si solennizza, giacchè in essa si portano quasi processionalmente alla popolazione di Sant'Antioco le reliquie del Santo che riposano in questa Cattedrale. 3° perché la festa di Agosto presenta degli inconvenienti non solo a causa della stagione pel tragitto che si fa in luoghi di clima malsano, ma eziandio perché in essa, secondo l'inveterata usanza deve l'Alternos colla cavalleria, ultimato appena il pranzo, montare a cavallo per restituirsi in Iglesias. 4° finalmente perché riducendosi ad una sola le due feste vi trovano anche un sollievo i Miliziani, i quali invece di scortare l'Alternos per ambe feste, lo scortano per una sola, ed in una stagione meno incomoda per essi, che sono quasi tutti agricoltori. Cannas consigliere Rev. Emanuele Pasella sindaco Seguono firme di consiglieri e notai L'Amministrazione della città di Sant'Antioco inoltrò al Capitolo e al Vescovo di Iglesias la richiesta per ottenere indietro le reliquie da Iglesias. Ne seguì una lunga e difficile controversia tra i due comuni, con la reciproca accusa di "fura Santus". Nel 1853, le autorità di Sant'Antioco predisposero un piano per riconquistare, con l'astuzia, le reliquie del Santo. Al momento della partenza, al grido di "Su santu est su nostu e s'Arrelichia puru", circondarono la statua del Santo nel punto dove sorgeva "sa cruxi de is reliquias". Scrive Alberto La Marmora, che era allora comandante militare della Sardegna nel suo Itinerario: Nel 1851, allorchè io avevo il comando militare dell'Isola gli abitanti di Sant'Antioco si opposero a che le reliquie del Santo ritornassero ad Iglesias. Fecero tumulto, per cui io mandai con tutta fretta il vapore con truppa e con il Giudice istruttore: ma se nella forma avevano torto, turbando l'ordine pubblico, nel fondo avevano ragione, perché nel 1615 allorchè furono trovate le reliquie si specificò che le medesime sarebbero traslocate in Iglesias per timore della profanazione dei Saraceni, fino a che Sant'Antioco resterebbe disabitato, ora poi questo villaggio è molto popolato e può garantire dagli insulti le reliquie e dall'altra parte, dopo la conquista d'Algeri, non vi è più da temere le invasioni barbaresche. Fu intentata una lite, ed al momento che io scrivo è stata decisa in favore dei popolani, di modo che le reliquie del Santo ora riposano colà, né si fa più quello splendido accompagnamento dal Capitolo e dal municipio di Iglesias. Nel 1852, dopo una definitiva sentenza emessa dal Tribunale di Genova sollecitata dal Vescovo Giovanni Battista Montixi, i resti del corpo del Santo venivano riaffidati alla città di Sant'Antioco, ed è qui che si tiene ogni anno, quindici giorni dopo la Pasqua, la festa di Sant'Antioco, patrono della Sardegna. La soprastante Basilica di S.Antioco martire, sorta sulla tomba del Santo, è uno dei monumenti più antichi dell'intera regione. Prima sede vescovile della Diocesi Sulcitana Iglesiente, fu eretta intorno al V sec. con pianta quadrifida a croce greca, presbiterio rivolto ad Est ed un probabile corpo cupolato poi rivisto ed arricchito di elementi architettonici. Nel XII sec. la chiesa di S.Antioco subì degli ampliamenti che ne mutarono la struttura. Ascrivibili a questa data sono: l'inserimento delle navate laterali e l'allungamento della navata centrale, con il conseguente abbandono della croce greca.; la costruzione dell'abside maggiore e della cappella a Nord. I lavori di ampliamento proseguirono fino al XVIII sec.con la creazione di una facciata in stile provinciale tardobarocco. Un intervento di ripristino del 1966 ha portato alla luce un fonte battesimale quadrato in pietra che suppone l'esistenza in periodo paleocristiano di un luogo battisteriale esterno al Martyrium del V sec. caduto in disuso forse in epoca vittorina.

Alcune Chiese Sarde dedicate a Sant'Antioco

S.Antioco di Bisarcio Ozieri (SS) - S.Antioco di Mogoro (OR) - S.Antioco di Atzara (NU) - S.Platano e S.Antioco di Villaspeciosa (CA) - S.Antioco di Muravera (CA) - S.Antioco di Villamar (CA) - S.Antioco di Sanluri (CA) - S.Antioco di Villasor (CA) - S.Antioco di Ulassai (NU) - S.Antioco di Gavoi (NU) S.Antioco di Orgosolo (NU) - S.Antioco di Scano Montiferro (OR) - S.Antioco di Palmas Arborea (OR) - Festa a Bonaria di Cagliari - Festa a Girasole Festa a Neoneli - Festa di Zeppara (OR) - Simulacro a Dolianova Simulacro a Iglesias

A Aullène (Auddé) in Corsica troviamo Chiesa e Cappella. Il Santo viene festeggiato la prima domenica di Agosto. In prossimità della cappella campestre si tiene una grande fiera agricola.

La chapelle Sant'Antiochu

La chapelle, que l'on peut voir depuis le sommet d'Illarata maintenant que le maquis qui l'étouffait est dégagé, surplombe la "piste". On peut y accéder depuis l'embranchement situé à l'entrée du village lorsqu'on vient de Zicavo par la route D. 69. Saint Antioche, ou Saint Antiochus, le saint patron catholique du village, était fêté chaque premier dimanche du mois d'août. Les membres de la congrégation catholique promenaient ce jour-là l'effigie du saint à travers le village afin que sa bénédiction profite aux hommes et à leurs biens. A l'occasion de cette fête, se tenait à Aullène une grande foire agricole qui attirait la population de bien au-delà les frontières du canton. Au printemps 2005, un bénévole de l'association "Auddanincu" a entrepris de remettre en état les abords de la chapelle Sant'Antiochu en commençant par l'énorme travail de remise en état des murs de pierres sèches qui soutenaient le chemin d'accès et entouraient le bâtiment. Il a également placé dans la chapelle une statue de Sainte Rita trouvée en bien piteux état au fond d'un garage communal et qu'il a commencé à restaurer.