Siete qui Home


Con riferimento alla Gara in oggetto, si comunica che non si potrà tenere nella data del 30/04/2018, quanto previsto al punto 2.7 pag.3/3 nel Bando G.U.C.E. che indica “Modalità apertura delle offerte”. Sarà ns. cura comunicare successivamente la nuova data.

Il Responsabile del Procedimento 

      Arch. Jr. Paolo Pinna

 

06 per sito

Il Consiglio Comunale di Sant’Antioco è convocato in seduta ordinaria – prima convocazione – mercoledì 9 maggio, alle 19.00, per la trattazione degli argomenti di cui al seguente ordine del giorno:

-      - Approvazione del Rendiconto della gestione per l’esercizio 2017 ai sensi dell’articolo 227 del D.LGS. N° 267/2000;

-          - Variazione N° 5 al Bilancio previsione finanziario 2018/2020, annualità 2018/2019/2020;

-          - Interrogazione presentata dal gruppo consiliare Genti Noa su: “Emergenza abitativa popolare”;

-         -  Mozione presentata dal gruppo consiliare Genti Noa su: “Attivazione riprese audio video e trasmissione in diretta e in VOD delle sessioni del Consiglio Comunale".

 

Locandina berretto a sonagli

“Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello in scena venerdì 4 maggio alle 19.00 presso la sede dell’Associazione Terza Età, in via XX Settembre a Sant’Antioco. Promosso dal Comune di Sant’Antioco, lo spettacolo teatrale è a cura dell’associazione culturale teatrale di Iglesias “Quinte Emotive”. Regia di Paolo Angioni. L’ingresso è gratuito.

Trama:“Il berretto” mette in scena le vicende di Ciampa, un impiegato di mezza età alle dipendenze del ricco Cavalier Fiorica. Ciampa vive con la giovane moglie Nina in una piccola città siciliana dove tutto scorre tranquillo in un clima di generale indifferenza. Gli avvenimenti prendono una piega diversa quando la moglie del suo datore di lavoro, Beatrice, si convince che il marito sia divenuto amante della moglie di Ciampa. La donna denuncia la coppia alle autorità, immaginando di avere la famiglia al suo fianco. Questo gesto sconvolge il paese; di conseguenza, i personaggi della commedia si danno da fare per manipolare Beatrice e disinnescare la vicenda per paura che questo possa distruggere lo status quo.

 

112551576-collo-di-bottiglia-acqua-minerale-bottiglia-dellacqua-bottiglia-in-vetro

Ha preso avvio nei giorni scorsi nelle scuole di Sant’Antioco in cui è attivo il servizio mensa il progetto “Acqua in brocca”, mirato all’educazione dei bambini a un uso razionale dell’acqua potabile intesa come fonte di vita e risorsa ambientale non rinnovabile, e alla riduzione dei rifiuti da imballaggio e dei danni ambientali. Un programma dal significato enorme in termini di sostenibilità ambientale che “rispolvera” le vecchie abitudini a scopi educativi e parte proprio dalle scuole, dove si formano le pratiche e i comportamenti dei cittadini di domani: dalle mense sono infatti scomparsi le bottiglie di plastica e l’acqua minerale, lasciando spazio a distributori di acqua di rete e bottiglie in vetro autosanificanti (Virgin”) contenenti acqua filtrata potabile al 100% e proveniente dalla rete pubblica cittadina. Oltre all’aspetto educativo sulla risorsa acqua, non meno importante è l’obiettivo della riduzione degli imballaggi: ovvero migliaia di bottiglie di plastica vendute ogni anno solo a Sant’Antioco con costi elevati di produzione, smaltimento, trasporto e conseguente inquinamento.

Il progetto “Acqua in brocca” rientra all’interno del protocollo sottoscritto tra l’Azienda tutela della salute (nello specifico la ASSL 7 di Carbonia) e Laore (agenzia per l'attuazione dei programmi regionali in campo agricolo e per lo sviluppo rurale), firmato anche dall’Anci nell’ambito delle buone pratiche di ristorazione scolastica sostenibile. Considerato una cosiddetta “best practice”, il percorso, che rispetta tutta la normativa vigente, è stato attivato nel Comune di Sant’Antioco grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione e l’istituzione scolastica, che ha accolto di buon grado l’iniziativa proprio per le finalità positive che porta con sé. Ma il Comune non si ferma qui: sono allo studio, infatti, sulla scorta di quanto realizzato in altri centri, ulteriori progetti mirati a una sempre maggiore sostenibilità ambientale.

 

Due ore di giostre completamente gratuite dedicate ai bambini, domenica 29 aprile dalle 16.00 alle 18.00. D’intesa con l’Amministrazione comunale di Sant’Antioco, la “Giostre Duville” omaggia la cittadinanza per l’ospitalità concessa, regalando ben due ore di attrazioni del Luna Park. Svago e divertimento assicurati per i più piccoli! Appuntamento domenica alle 16.00 per vivere un momento di festa e allegria nelle giostre del Lungomare, fronte Parco Giardino.

 

unnamed

Ritorna l’appuntamento con “Monumenti aperti”: sabato 5 e domenica 6 maggio porte aperte a Sant’Antioco per la visita, gratuita, di innumerevoli siti archeologici e culturali incastonati in scorci paesaggistici mozzafiato. E per l’edizione 2018, due importanti novità: il trenino turistico (gratuito) che condurrà i visitatori alla scoperta dei beni culturali dislocati nel centro cittadino, e la possibilità di conoscere il Faro di porto Ponte Romano, alto 22 metri, edificato nel 1924 e ancora oggi punto di riferimento per le imbarcazioni in navigazione sul Golfo di Palmas. Ad arricchire la visita al Faro, la possibilità di utilizzare gratuitamente bici elettriche messe a disposizione per una passeggiata con visita guidata alla Salina. Ma non finisce qui: esclusivamente domenica 6 maggio, il Comune ha organizzato un’iniziativa tesa a diffondere in maniera “virale” i siti archeologici di Sant’Antioco. Si chiama “InvadiAmo Sant’Antioco” e consiste nella condivisione di immagini del centro storico antiochense nei principali Social Network, utilizzando Hashtag specifici: #invasionidigitali, #invadiAmosantantioco e #santantiocoècultura (per ulteriori dettagli visitare il sito: https://www.invasionidigitali.it/invasione/invadiamo-%E2%99%A5-santantioco/).

Grazie all’immancabile collaborazione degli studenti delle scuole cittadine, i siti saranno visitabili dalle 16.00 alle 20.00 di sabato 5, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 di domenica 6 maggio. Non mancheranno le visite guidate nei principali luoghi di interesse: la Basilica, le Catacombe, il Museo Archeologico Ferruccio Barreca, l’Acropoli e la Necropoli, la Torre Sabauda, l’Archivio storico comunale, il MuMa, eccetera. Insomma, a Sant’Antioco c’è solo l’imbarazzo della scelta: «Incastonata in una suggestiva cornice – commenta l’Assessore alla Cultura, alla Pubblica istruzione e ai Beni Culturali Rosalba Cossu – la nostra isola offre bellezze paesaggistiche dal fascino incomparabile. Conoscere meglio la nostra storia, oggi ci permette di avere maggiore consapevolezza della nostra identità, ci invita a tutelare, valorizzare e condividere questa grande eredità culturale che è un bene universale. L’evento di Monumenti Aperti ci offre l’opportunità di aprire con entusiasmo le porte dei nostri monumenti, incoraggiandone la fruizione in maniera collettiva. Grazie alla variegata e generosa collaborazione volontaria soprattutto degli studenti e delle Associazioni, vivremo l’emozionante esperienza del tuffo nel passato».

pdfScarica la brochure di Monumenti Aperti a Sant'Antioco

 

Il Comune di Sant’Antioco avvia i laboratori inseriti nel progetto “Educativa di strada – L’isola che c’è”, rivolti ai giovani dai 12 ai 18 anni. Il progetto, attivato in collaborazione con il Consorzio Territoriale Network Etica Italia e con la Cooperativa “Dimensione Umana”, ha lo scopo di promuovere relazioni sociali “autentiche”, non filtrate dagli strumenti informatici che oggi hanno assunto un ruolo preponderante, anche in termini relazionali. “Educativa di strada”, inoltre, si pone l’obiettivo di interviene dove possono esistere forme di disagio: ovvero tutte quelle situazioni a rischio emarginazione, devianza, abbandono e solitudine. Spazio, dunque, ad attività ricreative, ludiche e animative come i laboratori di cucina (denominato “La nostra cucina”), di fotografia, di creazione di videoclip, nonché escursioni all’aria aperta tramite trekking che accompagnano i partecipanti alla scoperta del patrimonio naturalistico, paesaggistico e archeologico dell’isola di Sant’Antioco.

«L’Educativa di strada – commenta l’Assessore ai Servizi Sociali Eleonora Spiga – richiama l’idea di andare là dove esiste il bisogno in una nuova concezione di incontro, anziché aspettare la richiesta di aiuto: i servizi si spingono dove c’è la necessità. Tale iniziativa si presenta come una innovazione del tutto originale in un sistema nel quale spesso vengono sottovalutati, per impreparazione o per superficialità, i problemi giovanili. E l’educatore di strada parte dal presupposto che ogni soggetto che incontra è capace di iniziative, portatore di risorse da valorizzare e promuovere»

Tutte le attività, la cui partecipazione è gratuita, sono organizzate dall’equipe educativa, in collaborazione con le agenzie educative, le associazioni di promozione sociale e le società sportive del territorio. Per le iscrizioni c’è ancora tempo: gli interessati possono contattare gli uffici della Cooperativa ai numeri 329/7818930; 324/9226449; 0781/840507.

 

locandina convegno bando PST

Un convegno per conoscere le possibilità offerte dal Bando PST Sulcis 2018 e le sue tre linee di intervento: Piano Sulcis. Aiuti alle imprese in fase di avviamento e sviluppo (NI), Competitività per le MPMI (T1), Competitività per le MPMI (T2). Appuntamento sabato 28 aprile, alle 17.00, presso la sala consiliare del Comune di Sant’Antioco. Il convegno, organizzato dall’Amministrazione comunale di Sant’Antioco in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale Sulki, si propone di illustrare ai soggetti interessati tutte le opportunità di crescita e sviluppo assicurate alle imprese del Sulcis dal Bando PST. Il programma prevede i saluti del Consigliere Comunale Mario Esu, delegato dal sindaco Ignazio Locci, e gli interventi della dott.ssa Federica Caria, del Dott. Vittorio Addis e dei referenti del CCN Sulki. Seguirà dibattito.

«La dotazione complessiva del Bando – spiega il Consigliere Comunale Mario Esu – ammonta a 10 milioni di euro. Si tratta di un sistema di incentivazione regionale pubblico che attiva una sinergia con le imprese. Le domande di partecipazione potranno essere presentate sino al 31 dicembre 2018 con procedura a sportello. I fondi saranno ripartiti per settori e a beneficiare del contributo saranno sia le nuove imprese, sia quelle già esistenti ed operanti nel territorio. Considerata l’importanza dell’appuntamento, auspico un’ampia partecipazione».

 
Altri articoli...
Pagina 7 di 229