Siete qui Home


L’assessorato al Turismo e allo Spettacolo del Comune di Sant’Antioco invita le attività commerciali cittadine a far pervenire, tramite e-mail all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , entro le 13.00 di mercoledì 13 giugno, la propria programmazione estiva (nome evento, data e orari certi) al fine di poterla inserire nel materiale promozionale a cura dell’Amministrazione comunale.

 

NUM VERDE ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Illuminazione pubblica, nasce il servizio di segnalazione guasti tramite Numero Verde: 800-034.254. Nei giorni scorsi il Comune di Sant’Antioco ha sottoscritto il contratto con la ditta che si occuperà della gestione e della cura dell’illuminazione pubblica cittadina, ovvero di tutti i lampioni dislocati nel territorio del Comune di Sant’Antioco. Il nuovo accordo prevede anche l’attivazione del servizio di segnalazione guasti tramite Numero Verde, che consentirà di facilitare e snellire le procedure: se fino ad oggi, infatti, era necessario comunicare gli eventuali malfunzionamenti dei punti luci agli Uffici Comunali che, a loro volta, riportavano l’indicazione ai tecnici incaricati per le riparazioni, adesso basta comporre il Numero Verde comodamente da casa e relazionarsi con gli addetti della società affidataria dell’illuminazione pubblica. In questo modo si riducono i tempi di risoluzione: ricevuta la segnalazione da parte del cittadino, infatti, la ditta verificherà il guasto e interverrà prontamente. Non sarà dunque più necessario rivolgersi agli Uffici Comunali per comunicare eventuali malfunzionamenti. Il Numero Verde è già attivo, disponibile H24, sette giorni su sette.

 

Istituzione dell’isola pedonale nel centro cittadino per il periodo estivo. Con l’ordinanza N° 38 del 05/06/2018, si stabilisce che da venerdì 8 giugno (domani) e fino a domenica 17 giugno, nei giorni di Venerdì, Sabato e Domenica, dalle 20.00 alle 04.00, è vietato il transito e la sosta dei veicoli nel Corso Vittorio Emanuele e in Via Garibaldi (tratto compreso tra Piazza Umberto ed il numero civico 25).

Mentre, nelle stesse strade, dal 22 giugno 2018 e fino al 09 settembre 2018, dalle 20.00 alle 04.00, è vietato il transito e la sosta dei veicoli tutti i giorni della settimana. E’ consentito, solo per operazioni di carico e scarico, l’accesso e la sosta breve ai residenti e agli operatori commerciali muniti di permesso rilasciato dal Comando di Polizia Municipale. I trasgressori saranno perseguiti a termini di legge.

pdfScarica l'ordinanza

 

come è

Niente più barche abbandonate nel Lungomare di Sant’Antioco. Sono state tutte rimosse le piccole imbarcazioni che, senza alcun motivo, stazionavano a terra, in prossimità del mare, nella zona del Lungomare Cristoforo Colombo e Silvio Olla. Erano ben diciassette, in gran parte veri e propri rottami con tavole rotte e chiodi in evidenza che costituivano un pericolo per la sicurezza pubblica, oltre che un ricettacolo per rifiuti di ogni genere. «L’ordinanza emanata il 21 maggio scorso ha prodotto i suoi effetti: 15 barche sono state portate via dai legittimi proprietari mentre le restanti due sono state prelevate dal Comune e stoccate in un’area di cui disponiamo – commenta il sindaco Ignazio Locci –. Siamo soddisfatti del risultato di questo provvedimento: ci ha consentito di mettere fine a una situazione di degrado inaccettabile. In prossimità di quelle imbarcazioni, o addirittura al loro interno, erano presenti veri e propri cumuli di spazzatura che abbiamo eliminato. Resta ancora qualche piccolo “ritocco” cui si provvederà in questi giorni, ma si può dire che il 95% dell’area è stata bonificata. Tengo a precisare che il divieto permane. Ora ci auguriamo che gli incivili non perseverino».

Esprime soddisfazione il Consigliere Comunale con delega all’Ambiente Pasquale Renna: «Questa ordinanza era indispensabile per mettere la parola fine allo scempio del Lungomare di Sant’Antioco. Noi continuiamo a portare avanti il lavoro contro il sacchetto selvaggio e le discariche abusive, sebbene non sia per nulla semplice confrontarsi con i cafoni che quotidianamente preferiscono abbandonare i sacchetti nei luoghi più disparati piuttosto che fare una semplice e corretta raccolta differenziata o, se necessario, di usufruire dell’Ecocentro. Colgo l’occasione per ricordare ai cittadini che abbiamo attivato un numero verde, tramite messaggistica WhatsApp (351/1277681), attraverso il quale segnalare la presenza di cumuli di immondizia. Un servizio che funziona e che ci ha permesso di intervenire in diverse circostanze».

 

1306760299 P10206311

Impermeabilizzazione della copertura, rifacimento della tinteggiatura interna, rimozione delle piastrelle cadenti, messa in sicurezza dei cornicioni esterni e sostituzione degli infissi esterni. L’Amministrazione Comunale di Sant’Antioco interviene nel palazzetto dello sport, il “Pala Giacomo Cabras”, con lo scopo di mettere la parola fine alle infiltrazioni di acqua che, quest’anno, a causa delle abbondanti piogge, si sono manifestate in diverse circostanze. «Investiamo 68 mila Euro – afferma l’Assessore ai Lavori Pubblici Francesco Garau – per una serie di lavori che ci consentiranno di restituire alle società sportive cittadine una struttura sicura e funzionale. Nello specifico, per quanto riguarda la parte esterna dell’edificio, verranno messi in sicurezza i cornicioni perimetrali, si sostituiranno gli infissi e verrà impermeabilizzata la copertura nelle parti in cui si sono verificate le infiltrazioni. All’interno, invece, i lavori prevedono il rifacimento della tinteggiatura interna ammalorata e la rimozione delle piastrelle cadenti in corrispondenza dei corridoi di passaggio. In sostanza, si tratta di lavori urgenti tesi all’eliminazione delle infiltrazioni e alla messa in sicurezza dell’immobile».

Nei giorni scorsi gli Uffici comunali competenti hanno avviato le procedure per l’affidamento dei lavori. «In attesa di vedere finalmente realizzata una struttura sportiva moderna e all’altezza delle aspettative – commenta l’assessore allo Sport Roberta Serrenti – abbiamo ritenuto doveroso avviare alcune opere non più rinviabili nel “Pala Giacomo Cabras”. Confidiamo nel lavoro degli Uffici e auspichiamo che le nostre società e associazioni sportive possano usufruire dell’edifico ristrutturato nel più breve tempo possibile. Recentemente, inoltre, la Giunta ha approvato l’atto di indirizzo per la predisposizione dei bandi di affidamento delle varie strutture sportive comunali e il palazzetto è una di queste. Vogliamo consegnarlo pienamente agibile».

 

Prosegue l’azione di coordinamento tra gli operatori commerciali in vista della programmazione degli eventi per la stagione estiva 2018. Dopo l’incontro tra operatori e amministrazione del primo giugno scorso, si replica con l’obiettivo di stilare un calendario di appuntamenti coordinato e coerente con l’insieme delle manifestazioni organizzate dal Comune. Venerdì 8 giugno, alle 10.00, presso l’aula del Consiglio Comunale, gli assessori competenti, Roberta Serrenti e Renato Avellino, incontreranno gli operatori commerciali antiochensi per portare avanti il lavoro di definizione di un cartellone di eventi che soddisfi le esigenze di tutti gli esercenti. Si auspica ampia partecipazione.

 

getsione software

Giovedì 31 maggio 2018 si è tenuto un incontro formativo sul Contributo Ambientale di Soggiorno di recente istituzione, in occasione del quale è stato presentato il software gestionale acquistato dall’Amministrazione per semplificare gli adempimenti connessi all’imposta: gli uffici comunali competenti hanno provveduto a illustrare il funzionamento del programma, rilasciando agli utenti le relative credenziali di accesso mediante il link https://imposta-soggiorno.com/santantioco/

Si ricorda che chiunque conceda in locazione immobili di proprietà (locazioni turistiche), anche per periodi inferiori a 30 giorni, è soggetto all’obbligo di richiedere il pagamento dell’imposta di soggiorno secondo le modalità indicate dal Regolamento comunale.

L’Amministrazione, attraverso l’ausilio del software di nuovo acquisto, è infatti già in grado di individuare le strutture e, in generale, chiunque in forma privata attui le locazioni turistiche nel territorio comunale. Dal controllo effettuato dagli Uffici, infatti, allo stato attuale sono emerse circa un 80% di strutture e/o immobili non censiti che dovrebbero richiedere il pagamento dell’imposta ai loro eventuali soggiornanti. Si invitano dunque gli interessati a recarsi presso l’Ufficio Tributi del Comune al fine di ottenere le informazioni necessarie per l’applicazione dell’imposta e per regolarizzare la propria posizione. Tutte le comunicazioni potranno avvenire anche via mail utilizzando l’indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Nonostante le nostre innumerevoli sollecitazioni rivolte ad Area affinché programmasse un intervento nelle palazzine di via Baden Powell teso a ristrutturare in maniera definitiva l’edificio, l’Agenzia regionale per l’edilizia abitativa risponde con una cronistoria sul “Programma straordinario di edilizia abitativa del 5/12/2007 (Lavori di recupero alloggi nel Comune di Sant’Antioco - via Matteotti e via Baden Powell”. Una risposta dalla quale emerge l’assoluta assenza di volontà a mettere mano su quelle abitazioni, abbandonate e in stato di assoluto degrado.

«Conosciamo bene la cronologia degli interventi rientranti in quel programma straordinario – commenta il sindaco Ignazio Locci – e sappiamo che le uniche operazioni effettuate sono state quelle nello stabile di via Corsi. Ciò che ci premeva sapere è se Area fosse intenzionata a risolvere i gravi problemi che insistono su via Baden Powell. Purtroppo, siamo costretti a considerare la risposta di Area come una non risposta o, meglio, come la manifestazione dell’assenza di volontà ad intervenire in edifici che mostrano evidenti segni di cedimento. Che i condomini di via Baden Powell vivano in una situazione di allerta perenne, lo testimoniano sia l’episodio di crollo di calcinacci che solo per puro caso non ha provocato incidenti, sia l’intervento dei Vigili del Fuoco che, per un intero pomeriggio, hanno lavorato sulle palazzine rimuovendo intonaci e cornicioni a rischio crollo».

In sostanza, rispetto al programma del 2007, dopo i lavori in via Corsi (che hanno impegnato poco più di un milione di euro della cifra a disposizione), è rimasta un’esigua somma per l’abbattimento delle barriere architettoniche in via Baden Powell. Lavori, peraltro, ben lontani dall’essere avviati, visto che è in corso la progettazione definitiva-esecutiva. «Voglio ricordare ad Area che nel suo Bilancio del 2018 sono stati stanziati un milione e 200 mila euro di fondi destinati alle manutenzioni per gli immobili dell’ex distretto di Carbonia – aggiunge il sindaco – e di questi, a oggi, ne sono stati impegnati soltanto 26 mila, ovvero il 2% del budget. È da quelle risorse che deve attingere per intervenire in via Baden Powell. E lo faccia al più presto, senza rifugiarsi dietro la burocrazia»

 
Altri articoli...
Pagina 7 di 233