Siete qui Home

PDF  Stampa  E-mail  Venerdì 21 Settembre 2018 12:38

A norma del Regolamento di Funzionamento del Consiglio Comunale, sentita la conferenza dei Capi Gruppo riunitasi in data 21/09/2018, il Consiglio Comunale è convocato in seduta straordinaria per martedì 25 Settembre alle 19.00 (fine lavori alle 22.00), presso la Sala Consiliare, per la trattazione degli argomenti di cui al seguente ordine del giorno:

- interrogazione presentata dal gruppo Sant’Antioco Attiva su “Consiglio Comunale del 26 luglio 2018”

- Interrogazione presentata dal gruppo Genti Noa su “Servizi Asilo Comunale Carlo Sanna”;

- variazione N 11 al bilancio di previsione 2018-2019-2020;

- variazione al bilancio di previsione finanziario 2018 n 9, ratifica della deliberazione di Giunta comunale N 155 del 09/08/2018 adottata ai sensi dell’Art. 175 comma 4, del Dlgs N 267/2000;

- variazione al bilancio di previsione finanziario 2018 n 10, ratifica della deliberazione di Giunta comunale N 173 del 14/09/2018 adottata ai sensi dell’Art. 175 comma 4, del Dlgs N 267/2000;

- Integrazione e modifica al Regolamento di istituzione e disciplina del Contributo ambientale di soggiorno;

- Concessione area classificata S “servizi” nel piano di lottizzazione “Su Cungiau” per la realizzazione di una sede farmaceutica, approvazione progetto e schema di convenzione;

- Mozione presentata dal gruppo Genti Noa su Centro di aggregazione giovanile, dotazione strumentali e arredi;

- Mozione presentata dal gruppo Sant’Antioco Attiva su “spiagge, viabilità, rischio incendi in paese – estate 2018;

 

Intervento straordinario sul ponte di Sant’Antioco. Il Comune informa che lunedì 24 settembre prenderanno il via alcuni lavori specifici di manutenzione del ponte, la cui conclusione è prevista venerdì 28 settembre. Si invitano gli automobilisti alla prudenza: per l’occasione, infatti, verrà istituito il senso unico alternato dalle 8.00 alle 17.00. Da sabato (fatta salva la fine lavori) verrà ripristinato il traffico in entrambi i sensi di marcia.

I lavori verranno eseguiti con risorse comunali, in attesa di reperire le somme necessarie a dare gambe al progetto di manutenzione dell’intera struttura. «In particolare – spiega l’Assessore dei Lavori Pubblici Francesco Garau – verranno rimossi i giunti usurati e non funzionanti e saranno sostituiti con nuovi elementi elastici in grado di garantire le corrette dilatazioni dovute alle escursioni termiche. Inoltre verrà steso l’asfalto laddove necessario. Ci scusiamo fin da adesso per gli eventuali disagi e il rallentamento del traffico dovuti al senso unico alternato».

Nei giorni scorsi sono state eseguite nuove prove strumentali per il monitoraggio dello stato di salute del ponte. I dati raccolti verranno sviluppati e poi confrontati con quelli relativi alle ultime prove di carico, datate 2017. Lo scopo è verificare se la struttura ha subito modifiche o peggioramenti nel corso di quest’ultimo anno. Un lavoro compiuto nell’interesse della sicurezza e della viabilità.

 

Il Comune di Sant’Antioco mette sul piatto 420mila euro per l’edilizia privata. Obiettivo: sostenere la microeconomia legata al settore edile, tra piccoli artigiani e liberi professionisti, ridare decoro al centro urbano, offrire un contributo economico ai cittadini per interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente in diverse aree della città (si vedano tutti i requisiti di accesso, i moduli di domanda e la pianta delle zone interessate in allegato). Le domande dovranno essere presentate attraverso lo Sportello Suape Sardegna, contestualmente alla richiesta del titolo edilizio, entro lunedì 19 novembre 2018.

«Innanzitutto va sottolineato che si tratta di risorse risalenti al 2004, che erano ormai andate perdute e che, invece, siamo riusciti a recuperare. Fondi che ci consentono di offrire ai cittadini una ghiotta occasione – commenta il Sindaco Ignazio Locci – con la somma stanziata è possibile finanziare e realizzare numerosi interventi di edilizia privata. Inoltre, soprattutto in riferimento ai lavori sugli esterni delle abitazioni, questo avviso permetterà di ridare decoro, almeno parzialmente, al centro storico, in cui sono presenti molteplici edifici che necessitano di operazioni di manutenzione e ristrutturazione». Per l’assessore all’Urbanistica e dei Lavori Pubblici, Francesco Garau, si tratta di «un’opportunità che consente di intervenire in tutto il centro urbano per il risanamento conservativo delle facciate ma anche per la realizzazione di opere di consolidamento e recupero delle coperture ammalorate. Un importante incentivo che permette di mettere in moto la microeconomia legata al settore dei piccoli artigiani edili e dei liberi professionisti».

Il contributo pubblico copre una parte del costo totale dell’intervento ed è determinato secondo le percentuali e sulle seguenti fasce di reddito: 15% del costo per redditi non superiori a 46.063,90 Euro; 25% del costo per redditi non superiori a 27.638,34 Euro; 35% del costo per redditi non superiori a 22.975,39 Euro. La graduatoria sarà formata e approvata in base alle condizione e ai criteri specificati nel bando di concorso, a disposizione presso l’Ufficio Tecnico Servizio Urbanistica del Comune di Sant’Antioco e sul sito www.comune.santantioco.ca.it. Saranno agevolate le richieste in cui si prevedono lavori di finitura esterna.

L. n° 179 del 17 Febbraio 1992 - Programma Straordinario di edilizia residenziale pubblica 2002 - Programma quadriennale di edilizia agevolata 1992/95 – interventi di recupero e/o acquisto con recupero a cura di singoli. Invito per la presentazione di domanda di contributo estratto del bando di concorso allegato alla delibera G.R. N° 39/97 del 10.12.2002, aggiornato alla determinazione N.21519/628 del 01/06/2017 e determinazione N. 21532/629 del 01/06/2017 del direttore generale della R.A.S. - Documentazione: pdfBando - pdfPerimetrazione zone urbanistiche - zipModulistica

 

Mostra Ritratto di Nuraghe

L’importante patrimonio archeologico di età nuragica raccolto in “Ritratto di Nuraghe, eredità di un’isola”, in programma da sabato 22 settembre (inaugurazione con vernissage alle 19.00) al 14 ottobre al Mab, Museo archeologico Ferruccio Barreca, per rendere omaggio all’illustre cittadino antiochense dotato di autentica passione per la cultura e la storia dell’isola, Francesco Rombi, professore di Italiano e Latino e tra coloro che si impegnarono per ottenere l’autonomia scolastica dello storico liceo antiochense “Emilio Lussu”. Le immagini scattate al principio degli anni Sessanta da Francesco Rombi, nell’ambito della sua tesi di laurea in archeologia discussa con il prof. Giovanni Lilliu, immortalano le monumentali costruzioni di pietra dell’isola regalandoci un reportage in bianco e nero di panorami mozzafiato, scorci e importanti dettagli dei numerosi monumenti dell’isola, in alcuni casi oggi non più visibili. Pioniere delle ricerche archeologiche in aree extra-urbana, a lui si deve un primo censimento delle strutture nuragiche dell’intera isola di Sant’Antioco, solo parzialmente aggiornato nel corso dei successivi decenni. Gli scatti storici consentiranno di immergerci in un affascinante itinerario archeologico dell’isola, arricchito dalle immagini contemporanee provenienti dall’ultimo censimento delle evidenze archeologiche presenti nel territorio di Sant’Antioco.

Curata dall’archeologa Sara Muscuso, l’esposizione raccoglie oltre sessanta ingrandimenti degli scatti storici uniti ad immagini contemporanee delle torri di pietra. Il percorso, inoltre, sarà arricchito dalla videoproiezione di ulteriori scatti: «Questa mostra – commenta Sara Muscuso – vuole essere un’occasione per recuperare le conoscenze dell’importante patrimonio archeologico nuragico del territorio, meravigliarsi davanti all’opera monumentale dell’uomo e trasmettere queste informazioni ad un vasto pubblico». Grazie alla generosità della famiglia Rombi, a distanza di settant’anni le immagini del professore torneranno a raccontare la storia e la cultura millenaria dell’isola di Sant’Antioco. L’assessore alla cultura Rosalba Cossu ha voluto ricordare il prof. Francesco Rombi con queste parole: «Rendere omaggio al caro Professor Rombi è un contributo dovuto nei confronti di chi, nella vita professionale, si è distinto per le competenze, la passione, l'empatia con cui ha guidato i suoi allievi. E' stato per noi maestro di vita, non solo di disciplina. Le torri di pietra delle sue preziose foto, suggestive testimonianze della nostra storia, oggi si confrontano con immagini contemporanee e ci consegnano l'eco, mai spenta, della sua presenza». Il vernissage della mostra è fissato per le 19.00 di sabato 22 settembre presso il MAB. Si fa presente che durante le Giornate Europee del Patrimonio 2018 l’ingresso al museo e alle aree archeologiche sarà gratuito.

 

Locandina inaugurazione servizio

Il Comune di Sant’Antioco informa che venerdì 21 settembre, alle 17.30, si terrà l’inaugurazione e la presentazione dei servizi di recente istituzione, “Asilo Nido” (per i bambini dai 3 ai 24 mesi) e “Sezione Primavera” (per i bambini dai 24 ai 36 mesi), che si svolgeranno negli spazi dello storico Asilo “Generale Carlo Sanna”. L’occasione sarà utile per mostrare alle famiglie di Sant’Antioco le ampie aree (circa 300 metri quadri) profondamente rinnovate con arredi a misura di bambino, e per presentare il programma e l’équipe educativa. I due servizi, Asilo Nido e Sezione Primavera, perseguono l’obiettivo del pieno sviluppo delle potenzialità delle bambine e dei bambini e contribuiscono a realizzare il diritto all’educazione per i piccoli dai 3 ai 36 mesi. Questa finalità viene perseguita in sinergia con le famiglie, riconosciute come protagoniste del percorso educativo. I bambini seguiranno un percorso con personale altamente qualificato e, in un ambiente famigliare e accogliente, potranno svolgere diverse attività laboratoriali. Le famiglie non dovranno pensare a nulla: nella retta, infatti, sono compresi merende, pasti, prodotti per l’igiene quotidiana, panni, tassa di iscrizione, assicurazioni e attività di laboratorio innovative.

La struttura “Generale Carlo Sanna”, inoltre, è sede del progetto sperimentale del Ministero della Pubblica Istruzione che promuove la continuità del percorso educativo e scolastico per i bambini dai 0 ai 6 anni. All’interno della struttura (piano terra) è infatti presente una sezione di Scuola dell’infanzia (Istituto Comprensivo Statale “Sant’Antioco-Calasetta”): i bambini che frequentano il Nido e la Sezione Primavera (primo piano) hanno dunque la possibilità di proseguire il percorso all’interno dello stesso ambiente educativo.

pdfBrochure Fronte  pdfBrochure Interno

 

Il Responsabile del Procedimento rende noto che LUNEDI 24 SETTEMRE 2018 alle ore 16.00, presso questa sede comunale, è convocata la seduta pubblica per l’apertura dell’offerta economica relativa all’affidamento del servizio relativo al “Progetto di igiene urbana per la raccolta differenziata dei rifiuti dell’associazione dei Comuni di Sant’Antioco e Calasetta, con il sistema porta a porta ”.

Il Responsabile del procedimento
       Arch. Jr Paolo Pinna

 
PDF  Stampa  E-mail  Venerdì 14 Settembre 2018 11:46

In allegato il calendario di apertura delle scuole cittadine, comunicato dall'Istituo Comprensivo Statale "Sant'Antioco-Calasetta".

pdfCalendario orari scuole

 

efficienza energetica pa

Il Comune di Sant’Antioco si aggiudica 811 mila euro di fondi europei a gestione regionale per l’efficientamento energetico. Fondi che si sommano alla compartecipazione comunale di 100 mila euro, per un totale di oltre 911 mila euro che verranno investiti per l’efficientamento energetico del Palazzo Comunale e della scuola Enrico Fermi. «Con un importante progetto dedicato alla salvaguardia dell’ambiente e all’efficienza energetica, la nostra Amministrazione ha partecipato al bando regionale per il finanziamento di “Interventi di efficientamento energetico e di realizzazione di micro reti in strutture pubbliche nella Regione Sardegna. POR FESR 2014-2020, portando a casa cospicue risorse che saranno necessarie per ammodernare gli edifici pubblici – commenta il sindaco Ignazio Locci – in particolare, ci concentreremo sul Municipio e sulla scuola Fermi. In riferimento all’intervento sulla Fermi, mi preme sottolineare che questi lavori andranno ad aggiungersi a quelli già compiuti negli edifici scolastici cittadini (Antioco Mannai, Via Bologna, Via Virgilio, Generale Carlo Sanna), a testimonianza dell’attenzione sempre alta nei confronti degli edifici scolastici, con l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza».

In merito, interviene anche l’assessore dei Lavori Pubblici Francesco Garau:«Con questo intervento si possono garantire risparmi diretti sul costo dell’energia – commenta – dando un grosso contributo anche alla salvaguardia dell’ambiente: i lavori si concentreranno sull’involucro edilizio degli edifici e, in particolare, sugli infissi e sul cappotto termico, oltre che sull’utilizzo di impianti di climatizzazione ad alta funzionalità».

 

94 big

I fondi ci sono. Così come il piano di lavoro. La Basilica di Sant’Antioco verrà sottoposta a un importante e decisivo progetto di restyling che salvaguarderà la struttura e restituirà un monumento restaurato in ogni sua parte, in cui sarà evidenziata la bellezza di una delle chiese più antiche della Sardegna, spazio sacro delle Reliquie e della memoria del Patrono della Sardegna: S.Antioco Martire. «E’ dei giorni scorsi la notizia che la Regione ha finanziato il nostro progetto concedendoci quanto richiesto con la partecipazione al bando “Programma di spesa per la concessione di finanziamenti per la messa in sicurezza o ripristino delle condizioni di agibilità degli edifici di culto”: 150 mila euro che andranno ad aggiungersi ai 200 mila euro messi sul piatto dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana) e ai 50 mila attinti dal bilancio comunale, per un totale di 400 mila euro – spiega il sindaco Ignazio Locci – fondi che ci permetteranno di intervenire in maniera decisa sul monumento più importante e rappresentativo della città. Teniamo molto a questo progetto, frutto di una proficua collaborazione con la Diocesi di Iglesias e con il parroco della Basilica Don Mario Riu: la Basilica è la chiesa che ospita le reliquie del nostro amato Santo, per il quale la comunità nutre una venerazione profonda. Contiamo di avviare i lavori entro l’anno o, al massimo, nei primi mesi del 2019. Questo intervento andrà ad aggiungersi al progetto di risanamento della “voragine” di Piazza De Gasperi, la cui procedura prosegue. Insomma, il cuore del centro storico cittadino avrà presto un nuovo volto, riscoprendo l’attenzione che merita».

Il criterio posto alla base del progetto di restauro si orienta verso un’operazione che porti a soluzione i danni prodotti dal tempo e dai precedenti interventi. I lavori di restauro si concentreranno su alcune parti specifiche del monumento e, semplificando, si orientano fondamentalmente alla verifica e al risanamento della pareti interne e al loro consolidamento; al restauro e riutilizzo a sacrestia dell’ambiente posto a destra dalla navata centrale; alla sostituzione del pavimento interno con altro in lastricato più appropriato e alla corretta valorizzazione dei reperti presenti; al restauro della facciata principale e a un nuovo impianto elettrico.

   
PDF  Stampa  E-mail  Martedì 11 Settembre 2018 12:02

A Sant’Antioco stanno per approdare i pirati: prenderanno d’assalto l’intero territorio isolano per provare ad accaparrarsi il ricco bottino. Non è una leggenda: accadrà sabato 15 e domenica 16 settembre quando si darà ufficialmente il via a “L’isola del tesoro”, l’atteso evento ludico-culturale organizzato dal Centro Commerciale Naturale Sulki (CCN Sulki)in collaborazione col Comune di Sant’Antioco. L’obiettivo del gioco a squadre è risolvere tutte le prove – prestanza fisica, strategia, cultura, intuito e determinazione saranno fondamentali -, trovare il forziere e conquistare il tesoro: 5 mila euro in gift card. «L’amministrazione comunale ha fin da subito appoggiato la proposta del CCN Sulki – spiega Roberta Serrenti, assessore a Sport, Turismo e Spettacolo – trovandola perfettamente coerente coi tre obiettivi che ci prefiggiamo di raggiungere: sostenere l’economia locale, promuovere il territorio nelle sue molteplici peculiarità, e rafforzare il senso di identità e di coesione degli antiochensi».

4. Lisola del tesoro

 
PDF  Stampa  E-mail  Martedì 11 Settembre 2018 12:01

Riparte la Scuola Civica di Musica “Don Tore Armeni”, sostenuta dai Comuni di Sant’Antioco e San Giovanni Suergiu. Per iscriversi ai corsi c’è tempo fino al 25 settembre 2018. Direttore è il Maestro Claudio Corrias. Gli allievi possono scegliere tra un’ampia proposta di corsi, che spaziano dall’uso dei più comuni strumenti musicali, alla preparazione per il canto, senza trascurare la teoria e il solfeggio: pianoforte, chitarra classica e moderna, flauto traverso e ottavino, clarinetto e sax, tromba, trombone, euphonium, tuba, corno, violino, percussioni (batteria, eccetera), canto moderno e preparazione vocale, canto lirico, musica popolare (launeddas, fisarmonica, chitarra), canto corale, coro voci bianche, propedeutica, teoria e solfeggio e musica d’insieme.

La modulistica è presente nel sito istituzionale del Comune di Sant’Antioco www.comune.santantioco.ca.it, nella sezione "Arte e Cultura --> Scuola Civica di Musica".

La segreteria della Scuola Civica (via XX Settembre 14 a Sant’Antioco) è aperta dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 347 18 90 027.

Comune di Sant'Antioco

Manifesto Scuola Civica 2018

 

 
Pagina 1 di 236