Siete qui Home


Turismo, presto aprirà i battenti la “ex Casa del mutilato”

PDF  Stampa  E-mail  Giovedì 17 Maggio 2018 11:50

casa del mutilato per sito

Aprirà presto i battenti la “ex Casa del Mutilato”, recentemente sottoposta a un importante progetto di ristrutturazione e riqualificazione grazie a un finanziamento del GAL Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari (“Informazione e accoglienza”). La Giunta Comunale, infatti, ha approvato una delibera con la quale istituisce la sede distaccata dell’Assessorato al Turismo del Comune di Sant’Antioco, con annesso centro di supporto e aggregazione del comparto turistico locale, nella “ex Casa del Mutilato”. Obiettivo: implementare le attività finalizzate allo sviluppo turistico del territorio, dando particolare attenzione alla promozione del patrimonio archeologico, naturalistico e ambientale, nonché alle tradizioni, al folklore e alle eccellenze enogastronomiche. Ma non solo: accanto a ciò, si colloca la volontà di dare risalto ai servizi ricettivi, di ristorazione e di pernottamento, al fine di agevolare una ricaduta economica sul territorio derivante dall’indotto che si genera direttamente nelle attività legate al settore turistico, e indirettamente in tutte quelle che operano in campi complementari a quello turistico.

«La struttura, porta d’accesso al cuore commerciale e storico della cittadina – commenta l’assessore al Turismo Roberta Serrenti – sarà un centro di supporto per il comparto turistico locale capace di rispondere alle innumerevoli esigenze sia degli operatori di settore, sia dei fruitori finali dell’offerta turistica, garantendo accoglienza e informazioni. Ma sarà anche un luogo di aggregazione di imprese legate al settore turistico. Crediamo, infatti, che sia giusto parlare del “Prodotto Sant’Antioco”, intendendo con ciò la capacità di creare proposte commerciali articolate e variegate. Il nuovo punto informazioni avrà proprio la peculiarità della promozione a 360°: mare, cultura, shopping, ricettività, ristorazione, tempo libero, eccetera».